#QueerDays | “As hard as you can” di Mathieu Morel vince il “Premio Miglior Corto”

As hard as you can di Mathieu Morel si è aggiudicato il “Premio Miglior Corto” alla prima edizione dei Queer Days – Giornate di Cinema e Cultura Queer.

Il “Premio Miglior Corto” è stato assegnato dalla Giuria Queer Days composta da Ilaria de Pascalis, Arianna Mattioli, Fabiomassimo Lozzi, Diletta Bellotti e Laura de Dilectis.

La motivazione

Abbiamo voluto premiare questo cortometraggio per l’audace stile cinematografico che contamina diversi linguaggi e semantiche audiovisive, dal porno al manga giapponese agli intermezzi pubblicitari vintage, mettendoli al servizio di una storia dolorosa che mette in scena una delle problematiche più attuali e in profondità che agiscono la nostra comunità: l’interiorizzazione dell’omofobia patriarcale e i suoi effetti devastanti. In questo senso As hard as you can può essere definito il film più audacemente queer di questa prima edizione. 

Titolo originale Aussi Fort que Tu Peux | Paese Francia | Produzione Chaz Production

La Giuria Queer Days, inoltre, ha deciso di assegnare una menzione speciale al corto Queer Bomb di Renan de Cillo.

La motivazione

Il documentario ci racconta di Alex, assassinato dal padre all’età di 8 anni perchè effeminato, delicato, perchè adora ascoltare il rumore delle scarpe col tacco della madre che gira per casa, perchè non è uomo ma bicha, faggot, frocio. Le immagini di Queer Bomb ci fanno arrivare tutta la speranza, la libertà, la gioia e l’amore che caratterizzano un bambino ma anche la dicotomia fra la dolcezza e la crudeltà dell’atto di un padre ed il dolore nel sapere di un bambino che viene menato fino alla morte perchè non cammina e combatte come un uomo. 

Renan de Cillo, citando la Dichiarazione dei diritti del fanciullo approvata dall’ONU il 20 novembre 1959, ci ricorda che un bambino è intoccabile. Ma ancora nel 2020 dobbiamo lottare affinchè questi diritti siano grantiti, perchè il maltrattamento minorile esiste e deve essere raccontato, denunciato. Come afferma il regista, questo film e la nostra lotta è una barricata.

Titolo originale Bicha-Bomba | Paese Brasile | Produzione indipendente

One thought on “#QueerDays | “As hard as you can” di Mathieu Morel vince il “Premio Miglior Corto”

Rispondi